Monday, February 24, 2014

Who is the Performance Analyst?

My last work for Performance Analysis this year was to speak about the figure of the performance analyst. We were allowed to use any format: powerpoint, audio, video, essay... everything goes.

This is what I did.


Who is the Performance Analyst (PA)?
From the lessons that I have been attending so far I can tell that you there is not a final answer to this question. There are grey areas where the PA operates and he\she shares these areas with other sport professional, for instance with coaches and psychologists.
Nevertheless, I have been trying to reply to the answer.

Here there is a monologue, written by myself, of a PA that questions himself about his nature. Even if it is a monologue, there are two characters in this dialogue: the PA himself and the PA's mind that guide him to the answer according to the Socratic method “maieutics” (Plato, c. 385–380 BC).

Who are you?
'We are beyond the curtain.
We are away from center stage.
We stay in the darkness.
We are shadows'

Who are you?

'We know what we could be.
We do not know what we are.
We are everything and we are nothing.
We are not born to become.
We are born to be.
Let Him decide who will we be.
We are Proteus'

Who is “Him”?
'He is the Master'
Are you his slave?
'No, I am free'
Do you depend on him?
Are you free?
I depend on Him'
Does he depend on you?
'Only if He wants so'

Who are you?
'I am who He wants me to be.
Be his wisdom
and I shall be Athena;
be his strength
and I shall be Ares;
be his support
and I shall be Atlas'

Who are you?
'I am who He wants me to be'

Are you alone?
'No, I am not'
Who is with you?
'My Brothers'

Who are your Brothers?
'They are who They want them to be'
Who are your Brothers?
'They are everything and they are nothing;
they are Proteus'
Who are your Brothers?
'We are Performance Analyst'

To give a name is power upon the named one;
the Book teaches us (The Holy Bible, Genesis 1:28)
To name is to sort things according to their nature;
the Book teaches us (The Holy Bible, Genesis 2:20-21)

Who are you?
'I am everything and I am nothing'
Who are you?
'I am a Performance Analyst;
I am who Him wants me to be'

Is that the truth?
'There is no truth;
there is no lie.
Everything is relative'

We can give hundred interpretations of a glare in a mirror;
yet, the image that generates that glare is only one.

Look in your mirror.
What do you see?
'A Performance Analyst'
Who are you?
'I am who him wants me to be'
Is that the truth?

Who are you?
'I am a Performance Analyst;
I am everything He can possibly need'

Who is He?
'He is the Master'
Is that the truth?

Who is He?
'He is a Man'
Who are you?
'I am a Man'
Who are you?
'We are One'

There is no general without an army;
yet, an army without a general is not.

Who is One?
'I am a Performance Analyst;
he is a Coach.
He needs me;
yet, without him I am not.
We are One'

Who is One?
'Our nature is different;
yet, we walk the same path'

Who is One?
'I am One,
I am a Performance Analyst;
he is One,
he is a Coach.
Our nature may be different;
yet, we share the same destiny.
I shall think with his mind
he shall see with my eyes.
Two men;
one path.
We are together
we are One!'

Now that I have figured out who (I believe) is the PA, I need to discovery what does he\she do.

I have been trying to think about the absolute performance analyst (it is not a new kind of vodka). The word “absolute” comes from the Latin absolutus, which means: not relative to something else (Chambers, 2000). In a nutshell, I am trying to figure out the PA's activity not linked to any sport, but I want to discovery its nature and essence, or its archetype, if we want to use the platonic philosophical idea (Plato, c. 370 BC).
Tackling the problem from an abstract point of view allowed me to get rid of the tasks of a single sport, such as opposition analysis in football, which is not present or is minimal in other sports, such as in triple jump or in archery.
After reading articles online, from blogs and the SOOC, I came out with this definition: the performance analyst improves and predicts performances based on the information he/she possesses.

There are three key points: improvement, prediction and information.
I do realize that the most important key point is the last one.
Without information there is no PA and an analysis cannot exist without data. Basically, no info no cry, as Bob Marley used to sing.

Data collection is crucial for the the analyst. If he\she collects no data, he\she would have no job; and if he\she collects the wrong data, he\she will end up with no job.
There are a lot information that can be collected and many ways to collect them, but is not my intention to illustrate them. For me, the bread and butter of performance analysis is the collection of data.

The will to know the future is part of the nature of the human being. Heroes in ancient Greek used to visit the Delphi Oracle before a battle and Roman Emperor used to divine, which is to foretell or to predict, before going to war. The verb “to divine” comes from the Latin divinare:to be inspired by a god (Chambers, 2000).
More generally, to know what the future holds is one of the question of life. Now, I do not want to write about life and death; what I am trying to say is that PAs are not doing anything new. They may use new techniques and technologies, but, in the end, they are doing the same that our ancestors used to do five-thousand years ago.
Yet, I would like to go a little further.

In the Art of War of Sun Tzu (6th BC, pp. 96)it is said:
“Prior information
Enables wise rulers
And worthy generals
To move
And conquer,
Brings them success
Beyond that of the multitude”

Basically, to know your enemy before the battle is necessary to win. We can apply the same concept to a PA that does pre-match analysis of the opponent.
However, Sun Tzu (6th BC, pp. 96) states:
“This information
Cannot be obtained
From spirits;
It cannot be deduced
By analogy;
It cannot be calculated
By measurement.”

After the book continues saying that the only way to get “this information” is through spies.
Anyway, it is stated that is impossible to predict the opponent's moves by analogy or by measurement. In other words, the PA's job could be right on paper but on the day of the match it may be a disaster.
Personally, I do agree with this statement.
If we take any “prediction job”, we can see that they are not 100% accurate (and this is why they predict). Weather forecast is one of them.
Meteorologists try to predict the weather condition of tomorrow, but they will never say:”Tomorrow is going to rain”; instead, they are more likely to say:”70% of chance of raining for tomorrow”; and we are going to translate it as:”Tomorrow is better that I take the umbrella with me because it may rain”.
Another example is the broker. They try to predict the market's next move and invest their money based on their data; still, that prediction may be right or wrong.
When performance analysis is working on the opposition, we are talking of inexact science.
Now, I am not giving a qualitative judgment.
I do believe that the accuracy of the prediction relies in the analysis' skills. There is a lot people that made a fortune in the stock market, such as George Soros (The Forbes 2013, online), and this is the point when you bring the inexact science of trading to a state of art.
A PA should aim to this, to elevate his\her science to art.

As there is no much room for a theoretical\philosophical debate about the last key point, improvement, which is quite self explanatory in my opinion, I would like to draw my conclusions.
PAs may play a crucial role to bring a team to success. Coaches should “use” them wisely in order to achieve valuable results as they can make a difference between glory and failure.


Chambers, 2010. Chambers Dictionary of Etymology. Edinbrugh: Chambers Harpers Publishers Ltd.

Plato, (c. 370 BC). Phaedrus. In: Edith, H., Huntington, C., ed..1961. The collected dialogues of Plato, including the letters. Princeton, N.J. : Princeton University Press.

Plato, (c. 385–380 BC). The Symposium. Translated from Ancient Greek by Christopher Gill and Desmond Lee. London: Penguin Group.

The Forbes, (2013). The Forbes 400: The Richest People in America. [accessed 6 December 2013]

The Holy Bible: New International Version, 1996. London: Hodder & Stoughton.

Tzu, S. (6th cent. BC). The Art of War. Translated from Chinese by John Minford. London: Penguin Group.

Friday, February 21, 2014

I segreti della grossaggine

“Voglio andare in palestra per tenermi in forma”
Dal mese prossimo inizio ad andare in palestra perché quest'estate voglio andare al mare”.

Tu vai in palestra perché vuoi diventare GROSSO. Punto.
Tu vuoi andare in giro a mostrare la vastitudine del tuo petto. E lo so che questa parola non esiste; ma non c'è parola per definire la grossaggine di quel petto.
Quando la gente ti vede camminare, tu vuoi che pensino:”Quello è proprio grosso!”. E tu, leggendo i loro pensieri, sorriderai mostrando loro il tuo bicipite possente.

E fin qui è tutto normale. Tutti noi vogliamo un corpo possente. E chi nega ciò, mente; sapendo di menta.

Ma come faccio a raggiungere cotanta agognata possentezza?
Bhe, la cosa più facile è la chirurgia estetica; poi puoi sempre bombarti fino all'anima, assumendo qualsiasi sostanza, stupefacente e non; si sa che in fondo il fine giustifica sempre i mezzi.
Se invece cerchi un approccio più etico, qui c'è quello che fa per te: i cinque processi fisiologici che stanno dietro alla crescita muscolare. Per un allenamento più ingrossante. E si, questa parola esiste.

Sollevare pesi sempre più pesanti, aumentare il numero di ripetizioni o di serie sono solo un mezzo, non il fine. Il nostro obbiettivo è la crescita muscolare: la grossaggine. Per questo motivo dobbiamo concentrarci su ciò che ci fa diventare grossi.

(1) Tensione dell'allungamento (1)
Quando il muscolo si allunga (streccia dall'inglese stretching) per colpa del peso che stiamo usando e il muscolo non è pronto ad allungarsi, come durante i movimenti negativi (= eccentrici), si danneggiano le fibre muscolari.
La tensione creata tra il peso e il muscolo “fa male” alle cellule forzando il nostro corpo a ripararsi, e quindi a crescere. Questo tipo di tensione è un ottimo input per la grossaggione; si può sfruttare questo meccanismo accentuando la fase eccentrica.

(2) Tensione della contrazione (2)
Quando il muscolo fa fatica a contrarsi a causa del peso che stiamo usando, il muscolo diventa più forte. E' il principio dell'adattamento; affinché il muscolo cresca, bisogna cercare sempre di aumentare il peso che si usa. Troppa gente fa palestra da più di un anno ed utilizza gli stessi pesi con cui ha iniziato, o al massimo con minime variazioni. Ricorda: la grossaggine odia il tedio e la monotonia. Pure la monogamia; ma questa è un'altra storia.

(3) Tempo sotto tensione (3)
Il peso che stiamo utilizzando è il mezzo principale per raggiungere la grossaggione. Ma qual è il peso da utilizzare? O meglio: per quanto tempo devo tenere il mio muscolo sotto tensione?
Kurmar e colleghi (2009) hanno condotto uno studio mirato a rispondere a questa domanda. I dati sono abbastanza chiari, come mostrati dalla tabella qui sotto, adattata dal loro studio:

Peso Utilizzato
Variazione della sintesi proteica
20% RM
40% RM
60% RM
75% RM

Più il peso si avvicina alla Ripetizione Massima, ossia il massimo che peso che si riesce a sollevare, più aumenta la sintesi di proteine, i mattoni per ricostruire le fibre muscolari. Più mattoni = più grossaggine.
Se siete lettori attenti, vi starete chiedendo: “Se è vero che la RM e la sintesi proteica sono collegate fra di loro, perché con 90%RM ho un valore minore che con 75% RM?” Ottima osservazione!!
La risposta è perché sollevando un peso prossimo al massimale, sistressa più il sistema nervoso e il muscolo non sta abbastanza tempo sotto tensione per danneggiare le fibre nella stessa misura in cui verrebbero danneggiate se si utilizzasse un peso pari al 75%RM, che equivale a circa 8-10 colpi eseguiti correttamente e in maniera controllata.

(4) Brucia!!! (4)
La sensazione di bruciore nei muscoli è data dall'accumularsi dell'acido lattico; a meno che non siate letteralmente in fiamme. Cercate di far durare la sensazione di bruciore il più a lungo possibile e non fate le fighette.
Questo è un altro metodo che dice al nostro corpo di sintetizzare più proteine ed è meno traumatico dei tre fattori spiegati in precedenza, perché stiamo parlando di una risposta chimica e non meccanica.
E per tagliare la testa al toro e ridurre le vaccate al minimo, l'acido lattico viene rimosso dai muscoli, tramite il sistema cardiovascolare, in 45 min al massimo! Quindi se un vostro amico vi dice che non riesce a pompare perché ha l'acido lattico da ieri, insultatelo per piacere.

(5) The Pump! (5)
Per tutti quelli che hanno visto Pumping Iron di Arnold, sanno di cosa sto parlando. Per gli altri, andate a vederlo su youtube altrimenti la grossaggine non sarà mai con voi.
Continuando a fare ripetizioni, i muscoli si riempiono di sangue. Questa è la pompa. Il flusso di sangue porta nutrienti alle fibre muscolari e maggiore è la pompa, maggiore sarà la pressione del sangue sulle fibre muscolari. Ciò spinge il muscolo a “deformarsi”.
Questo processo è meno efficace rispetto ai primi tre perché non è meccanico, ma si può fare più spesso ed è meno traumatico.
Dato il notevole afflusso di sangue prodotto, la pump è ottima per accelerare il recupero tra un allenamento e l'altro.

Ora che conoscete i processi fisiologici della grossaggione, andate e pompate come se non ci fosse un domani!!


Delavier, F. & Gundill, M. (2010). The strength training anatomy workout II. Champaign, IL: Human Kinetics.

Kumar V, Atherton P, Smith K, Rennie MJ. (2009) Human muscle protein synthesis and breakdown during and after exercise. Journal of Applied Physiology,106:2026–2039.

Wednesday, January 29, 2014

Parliamo di forza, parte II


Nell'ultimo post abbiamo parlato dei fattori che influenzano la forza, ossia massa ed accelerazione; la prima è la massa muscolare (sezione trasversale del muscolo) e la seconda è il sistema nervoso centrale (SNC).

Per la massa, vi rimando a questo link.
Ora invece ci concentreremo sul sistema nervoso.

Ci sono sei aspetti del SNC che possiamo migliorare per diventare più forti:

  • Reclutamento delle fibre muscolari
  • Fire rating
  • Coordinamento intra-muscolare
  • Coordinamento inter-muscolare
  • Disinibizione del muscolo antagonista
  • Crescita e “Potatura” delle connessioni neurali

Più c'è bisogno di forza, più aumenta il reclutamento. Quando la tensione muscolare raggiunge la "zona di pericolo", per esempio troppo peso, il nostro sistema nervoso evita gli infortuni riducendo il numero di fibre reclutate. Tuttavia, con l'allenamento, è possibile ridurre questo processo inibitorio, il che aumenta li numero di fibre reclutate; più fibre, più forza.

Il fire rating avviene quando tutte le fibre di un muscolo sono reclutate. In pratica, il nostra SNC sente che tutte le fibre stanno lavorando e quindi manda più impulsi elettrici al muscolo per dire alle fibre di contrarsi più velocemente, in modo tale da aumentare la forza prodotta.
Il coordinamento è l'abilità del muscolo di sincronizzare la contrazione tra le sue fibre, intra-muscolare, e con gli altri muscoli, inter-muscolare.
In gente non allenata, le unità motorie mandano segnali a caso ai muscoli per reclutare la forza necessaria; allenandosi di più, il loro SNC migliora la qualità di firing delle unità motorie.
E' come il canottaggio: la squadra andrà meglio se tutti vogano c.on lo stesso ritmo invece che a caso.

La disinibizione del muscolo antagonista può migliorare la forza prodotta dal muscolo agosnista. Ciò si può fare strecciando intensamente il muscolo opposto a quello che volete lavorare. Per esempio, strecciare i tricipiti se state pompando i bicipiti.
Questo processo è detto inibizione reciproca; il SNC manda segnali al bicipite di contrarsi mentre ne manda altri al tricipite dicendo di rilassarsi.

La crescita e "potatura" delle connessioni nervose è un processo automatico che avviene nel cervello; quindi, non entreremo nei dettagli.
Più si pratica un movimento, più le connessioni nervose per quel movimento diventeranno forti. Pensiamo alla tecnica degli squat: all'inizio non si è in grado di farli in maniera decente perché è la prima volta che si provano. Ma, dopo due, tre, quattro settimane di pratica si diventa dei professionisti (si spera...).

(per tutti questi paragrafi, Low, 2011)

Va bene... ma come alleno il mio SNC?

Per aumentare la forza massimale, si dovrebbe lavorare con pesi tra l'80% e il 100% della propria 1RM, da 1 a 4 serie (Bompa, 1996). Bisogna sempre ricordarsi che questo tipo di allenamento è stremante sia per il sistema nervoso che per i muscoli. E' meglio mantenere tempi di recupero tra i 3 e i 6 minuti (per i pesi 95%/ 100% 1RM); questo è il tempo necessario per ricreare le riserve di ATP all'interno dei muscoli.

Il metodo più popolare per aumentare la forza è quello di fare esercizi aumentando gradualmente il peso (Kurz, 2001). Un allenamento assomiglia a questo:

(serie·ripetizioni @x% della RM)

3·3 @60% della RM
1·3 @70% della RM
1·3 @80% della RM
2·2 @85% della RM
2·2 @90% della RM
1·3 @70% della RM


Bompa, T. O. (1996). Power training for sports: plyometrics for maximum power development. Ontario: Mosaic Press.

Kurz, Thomas (2001). Science of sport training: how to plan and control training for peak performance. Island Pond: Stadion.

Low, Stewen (2011). Overcoming Gravity: a systematic approach to gymnastic dn bodyweight strength.

Let's Talk about strength, part II

[Part I] [Versione Italiana]
In the last post we spoke about the factors that generate strength, which are mass and acceleration; the first one is the muscle size (muscular cross-sectional area) and the second one is the central neural system (CNS).

For the mass, I will redirect you to this post.
Now, let's focus on our neural system.

There are six aspect of the CNS that we can improve in order to get stronger:

  • Fiber Recruitment
  • Firing Rates
  • Intra-muscular Coordination
  • Inter-muscular Coordination
  • Antagonist Disinhibition
  • Growth and Pruning

The more force is needed, the more the recruitment increases. Our nervous system is able to prevent injuries by reducing the number of fiber recruited when the tension on the muscles goes behind the “warning point”, i.e. too much weight. Yet, with training this inhibitory process can be reduced, which increases the number of fiber recruited; remember: more fibers, more force.

When all the fibers of the muscle are recruited, fire rating occurs. Basically, when our CNS senses that all the muscle fibers are recruited, it sends more electrical signals to the muscle to tell them to contract faster which further increases the strength produced.

Coordination referees to the ability of the muscle to synchronize its contraction between it own fibers, intra-muscolar coordination, and between other muscles, inter-muscular coordination.
In untrained people, motor units fire random signals to the muscles to recruit the force necessary; as they further train, their CSA is able to synchronize the firing of the motors units.
It is like rowing; the team performs better if everybody row at the same time instead that randomly.

Antagonist disinhibition can improve the strength produced by the agonist muscle. This is achieved by extensively stretching the muscle opposite the one you are going to work. For instance, stretching the triceps if you are going to work the biceps.
This process is call reciprocal inhibition; the CSA sends the signals to contract the biceps and at the same time it sends a message to the triceps to relax.

The growth and the pruning of neural pathways is an automatic process that occurs in the brain; for this reason, we will not go in details. The more you practice a movement, the more the neural pathway for that movement grows stronger. Think about a new technique, over head squat for instance; at the beginning you may not be able to perform it properly because you haven't never done it before. But, after two, three, four weeks of over head squat you will master it (well, you should....).

(all this session, Low, 2011)

So, how do I train my CNS?

To develop max strength, you should work with weights between 80% and 100% of your 1RM, 1 to 4 sets (Bompa, 1996). Bear in mind that this kind of training is very strenuous for both your CNS and muscles. Keep the rest between 3 and 6 minutes (for the 95% /100% 1RM); this is the time necessary to restore the ATP stores within your muscles.
The most popular method to develop strength is doing exercises with gradually increase the weights (Kurz, 2001). A work-out may looks something like this:

(set·rep @x% of RM)

3·3 @60% of RM
1·3 @70% of RM
1·3 @80% of RM
2·2 @85% of RM
2·2 @90% of RM
1·3 @70% of RM


Bompa, T. O. (1996). Power training for sports: plyometrics for maximum power development. Ontario: Mosaic Press.

Kurz, Thomas (2001). Science of sport training: how to plan and control training for peak performance. Island Pond: Stadion.

Low, Stewen (2011). Overcoming Gravity: a systematic approach to gymnastic dn bodyweight strength.

Friday, January 24, 2014

Parliamo di Forza

Scriverò un paio di post sulla forza, cos'è, come si sviluppa e come si mantiene.

Prima di tutto, definiamo la forza in fisica:

Forza = massa*accelerazione

Come possiamo vedere, la forza è il prodotto di due fattori: massa ed accelerazione.
Spostandoci dalla fisica alla fisiologia, la massa (m) corrisponde alla sezione trasversale del muscolo, grezzamente “quanto è grosso il muscolo”, e l'accelerazione (a) corrisponde al sistema nervoso (Kenney, Costill & Wilmore, 2011).

Tutto chiaro fino a qui?
Ok, entriamo un po' più nello specifico.

I nostri muscoli sono fatti di fibre e ne esistono tre tipi:
  • Tipo I
  • Tipo IIa
  • Tipo IIb

Le Tipo I sono le nostre “fibre lente”, chiamate anche “fibre rosse” per via del considerevole numero di mitocondri che si trovano fra di esse. Queste fibre hanno un'elevata capacità di resistenza e sono le più sviluppate negli sport di resistenza.

Le Tipo IIa sono una specie di ibrido fra le Tipo I e le Tipo IIb. Il loro colore è sul rosa e condividono le caratteristiche di entrambe le fibre. A seconda del tipo di allenamento, il corpo è in grado di convertile in fibre di Tipo I o Tipo IIb.

Le tipo IIb sono le nostre “fibre veloci”, dette anche “fibre bianche” data la mancanza di mitocondri. Esse si basano solamente sul sistema anaerobico e si stancano velocemente. Invece, sono in grado di contrarsi rapidamente e sono le fibre maggiormente sviluppate negli sport di forza e potenza.

Mentre mi allenavo in palestra, sentivo spesso gente dire qualcosa del tipo:”Devo allenarmi in questo modo perché i miei bicipiti sono composti da fibre rosse” e così via. A meno che non ci si infili un ago nel braccio e si estragga un pezzo di muscolo, è impossibile sapere la percentuale di fibre che compongono il nostro muscolo. Tuttavia, con il giusto allenamento, è possibile “modellare” le fibre di Tipo IIa; per esempio, un atleta che corre i 10000m sarà più propenso ad avere fibre rosse di un sollevatore di peso olimpico. Al di la di ciò, il numero di fibre lente e veloci è predeterminato dalla nascita.

Quando invece parliamo di accelerazione (a), stiamo considerando le unità motorie e il sistema nervoso centrale.

Le unità motorie sono composte da un neurone e tutte le fibre muscolari che esso innerva. Ogni neurone innerva un solo tipo di fibre sebbene possa innervare più fibre.

Il sistema nervoso centrale è composto dal cervello e la spina dorsale. Il sistema nervoso centrale governa l'attivazione delle unità motorie.
(per tutta questa sezione: Birch, MacLaren & George, 2005)

Ok, per oggi è abbastanza.
Nel prossimo post parlerò in che modo il sistema nervoso centrale può influire sulla forza.


Birch,K., MacLaren, D. & George, K. (2005). Sport and Exercise Physiology. Oxford: BIOS Scientific

Kenney, W., Costill, D., & Wilmore, J. (2011). Physiology of Sport and Exercise. Leeds : Human Kinetics

Let's talk about strength

I am going to write a couple of posts about strength, what is it, how to develop it and how to maintain it.

First of all, let's define what is strength in physic:

Strength = mass*acceleration

As we can see, strength is the product of two factors: mass and acceleration.
Moving from physic to physiologic, the mass (m) corresponds to the muscular cross-sectional area, roughly “how big the muscle is”, and the acceleration (a) corresponds to the nervous system (Kenney, Costill & Wilmore, 2011).

All clear so far?
Let's go a little bit deeper.

Our muscles are made of fibers and there are three kinds of them:
  • Type I
  • Type IIa
  • Type IIb

Type I are our "slow twitch" fibers, aka "red fibers" due to the elevated number of mitochondria that are located within them. This kind of fibers have a great endurance capacity and are the ones most developed in endurance sports.

Type IIa are kind of hybrid of Type I and Type IIb fibers. Their color is pinkish and they share the characteristics of both fibers. According the kind of training, your body is able to convert them in Type I or Type IIb.

Type IIb are our “fast twitch” fibers, aka “white fibers” due to the lack of mitochondria. They rely solely on the anaerobic system and they get fatigued very quickly. Yet, they are able to contract very rapidly and they are the main fiber developed in power and strength sports.

While I was training in the gym, I have been listening to a lot of people say stuffs like: “I gotta training this way 'cause my biceps are made of red fibers” and so on. Unless you put a needle in arm and you take a bit of your muscle to analyze it, it is impossible to know the percent of fibers composing your muscles. On the other hand, with proper training, is possible to “shape” the Type IIa; for instance, a 10000m runner is more likely to have more red fibers than an Olympic weight lifter due to the different kind of training that they follow. By the way, the number of slow and fast fibers it predetermined from the birth.

When we are talking about acceleration (a), we are considering the motor units and the central nervous system.

Motor units are composed of a the neuron and all the muscle fibers that it innervates. Each neuron innervates only one kind of fiber although it can innervated more than one fiber.

The central nervous system (CNS) is composed of the brain and the spine cord. The CNS govern the activation of the motor units.

(for all this session: Birch, MacLaren & George, 2005)

Ok, for today is enough.
In the next post I will cover in which ways the CNS can affect the strength output.


Birch,K., MacLaren, D. & George, K. (2005). Sport and Exercise Physiology. Oxford: BIOS Scientific

Kenney, W., Costill, D., & Wilmore, J. (2011). Physiology of Sport and Exercise. Leeds : Human Kinetics

Wednesday, January 22, 2014

Allenamento coi pesi per il climbing? Ma che !!?!?

                                                                                                        JenElizabeth @ DeviantArt

L'allenamento coi pesi in palestra va bene per il climbing?

Dopo un rapido giro su Internet la risposta sembra abbastanza chiara: “no” e “perché mai dovresti farlo?!?!?”
Quindi caso chiuso....
…. forse.

La principale critica mossa contra l'allenamento coi pesi è che ti fa diventare grosso. Come si può ben immaginare, più peso può rendere l'arrampicata più difficile.
Tuttavia, credo che molta gente pensi qualcosa di simile a questo: PALESTRA = GROSSO.
Di sicuro sollevare pesi ti fa diventare “grosso”, poiché si tratta dell'adattamento del tuo corpo all'allenamento; ma non esiste un solo modo di allenarsi coi pesi. E ritengo che la maggior parte dei climbers ne conosca solamente uno: allenamento per la massa (ipertrofia).

Quel tipo di allenamento è certamente controproducente perché si allena più la massa e meno laforza – in altre parole, diventi grosso. Il che è fico quando ti aggiri per la spiaggia a chiedere alle ragazze se vogliono giocare a beach-volley mostrando il tuo petto enorme. True story bro.

… se invece seguissimo un programma di forza?
Il concetto si spiega da sé; stiamo parlando di un allenamento mirato ad aumentare la forza. Siccome lavoriamo con pesi sub-massimali, ci sarà un minor guadagno in termini di massa rispetto a quelli di forza e ci sarà un miglioramento a livello del sistema nervoso centrale. Il motivo di ciò?
Lavorando con pesi sub-massimali, per esempio 2 set di 2 rep @ 90% della 1RM, le fibre muscolari non subiranno uno stress tale da favorire lo sviluppo della massa, in relazione ad un allenamento di ipertrofia; invece, la maggior parte dello sforzo sarà concentrato sulle unità motorie – neurone + il muscolo che innerva – e il sistema nervoso centrale, che include:

  • Reclutamento delle fibre muscolari
  • Fire rating
  • Coordinamento intra-muscolare
  • Coordinamento inter-muscolare
  • Disinibizione del muscolo antagonista
  • Crescita e “Potatura” delle connessioni neurali

Inoltre, un climber forte può arrampicare più a lungo e con maggior intensità. E' stato dimostrato che un allenamento con pesi sub-massimali migliora la resistenza muscolare (Hoof, Gran & Helgerud, 2002).

Come il mio amico Joe the Climber scrive qui, perché in quasi tutti gli sport ci sono programmi di resistenza e condizionamento della forza – o più semplicemente preparazione atletica – e non nel climbing?

Abbiamo deciso di provarci.

La seconda parte dell'articolo verrà pubblicata presto; non preoccupatevi.

REFERENCE (like a pro)

Hoff, J., Gran, A., Helgerud, J. (2002).Maximal strength training improves aerobic endurance performance.
Scandinavian Journal of Medicine & Science in Sports, 12(5), 288-295.